Imaginarea Daily

L’8 ottobre è il “World Octopus Day” 

In occasione di questa giornata, potremmo raccontare che il fossile del polpo è il più antico del mondo (296 milioni di anni), oppure che è l’animale il cui numero di neuroni è nel palmares delle creature terrestri (circa 500 millioni).

Invece, ci piace ricordare il “World Octopus Day” con quello che è forse il suo più fedele celebrante moderno. Si tratta di Shimabuku, artista giapponese di fama internazionale, che si è dedicato per dieci anni a un progetto chiamato “With Octopus” (1990-2000). In sostanza, ha creato dei piccoli regali quotidiani per questi animali, come: andare al mercato del pesce e tirarli fuori dall’acquario (salvandoli da una morte certa). Oppure costruire delle piccole biglie per farli giocare: il cervello dei polpi, infatti, è tutto nei tentacoli (e non nella testa come si potrebbe pensare).

L’artista ha capito come il dialogo protratto con quello che può apparirci un aspetto del quotidiano, a cui magari non badiamo, può diventare invece una cerniera inaspettata verso il mondo dell’immaginazione. Shimabuku lo sa: il polpo è “pieno di possibilità”.

Onomastico: Santa Pelagia

Calendarea 1998, Zip Code

Il 7 ottobre è la “Giornata mondiale per il lavoro dignitoso”

Ci si pensa poco, ma la frustrazione è qualcosa con cui, forse, dovremmo convivere parlando di lavoro nel futuro. Si potrebbe obiettare che è già un fatto del presente: i diritti, l’impossibilità della disconnessione, la disparità di genere, il salario. È solo un piccolo elenco di ciò che, da generazioni, può creare frustrazione nel lavoro. Ma sarebbe un errore analizzarla come fatto singolo.

L’accelerazione tecnologica sta portando a un lavoro sempre più diluito e, in un futuro non si sa quanto lontano, saremo sicuramente costretti a lavorare meno. Per questo oggi, parlando di dignità e di lavoro, la prima cosa che ci viene in mente è un alveare: un’organizzazione efficientissima nell’anticipare il cambiamento, così da garantire il benessere presente (e soprattutto futuro) a tutti i suoi membri.

Onomastico: San Marco Papa

Calendarea 2002, Packing case of the year

Il 6 ottobre 1887 nasce Charles-Édouard Jeanneret-Gris, detto Le Corbusier

Alla voce ‘professione’, sulla carta d’identità di Le Corbusier non c’era scritto architetto, ma ‘uomo di lettere’. Lui, che aveva passato le ore a distillare dall’architettura ogni schiuma di superfluo, era stato sintetico persino nel definire le regole della sua professione (quella ufficiosa, a quanto pare): funzione, modulo e plasticità.

Tutto vero, ma verso la fine della vita (e facendo un giro lunghissimo), Le Corbusier si riappacifica con quanto aveva scritto sulla carta di identità molti anni prima: la Cappella Ronchamp (1950-55), che altro è, se non un insieme di strofe fatte cemento?

Aveva trovato, insomma, la sua quadratura del cerchio. E il compasso che abbiamo voluto dedicargli sta a ricordare l’impegno di una vita spesa a ricreare architetture e bisogni sociali, ‘ricamando’ per sottrazione forme divenute simboli indelebili della modernità.

Onomastico: San Bruno di Calabria

Calendarea 2021, Me Tool

Il 5 ottobre 1690 nasce a Roma l’Accademia dell’Arcadia

Quando ci sembra che il mondo esterno non ci rappresenti più, si può decidere di ridisegnare la mappa del nostro intorno e ristabilire, così, una netiquette di idealità condivise. Nel 1690, a Roma, c’era una “barbarie” da contrastare ed era il Barocco come stile di vita. Gli effetti? Una città che gorgogliava di feste e scenografie effimere e dove non era raro imbattersi in un Gian Lorenzo Bernini che sfrecciava sulla sua carrozza di pinnacoli d’oro, fatti a sua immagine e somiglianza; questo, per dare l’idea del trend. Per liberare l’Italia da “sì fatta barbarie”, alcuni letterati decisero di creare un recinto contro il cattivo gusto…

L’Accademia dell’Arcadia è attiva ancora oggi e, come consuetudine, ogni socio prende il nome di un pastore dell’antica regione del Peloponneso, patria della poesia e della musica dolce di un qualche strumento a corda: abbiamo così Acantide Antiniano, Partenia Argirea, Amaranta Eleusina etc.

Sono nomi che suonano strani, ma da trecento anni a questa parte, si può sempre ridipingere la realtà a nostra immagine e somiglianza: in fondo, basta un avatar.

Onomastico Santa Faustina Kowalska

Calendarea 2013, Orchextra

Il 4 ottobre 1950 appare per la prima vola Snoopy nelle strisce dei Peanuts

È lunedì mattina e qualcuno di noi sarà in cerca con il lanternino di quella che ultimamente viene definita ‘Monday Motivation’. Aprendo Instagram, non è del tutto escluso che possiate imbattervi nel cane Snoopy che ci regala qualche frase sull’esistenzialismo del lunedì, rigorosamente dall’alto della sua cuccia e con caffè bollente alla mano.

Da quella prima, timidissima, striscia del 1950 a oggi, ne sono passati di media sotto i ponti; eppure Snoopy e Charlie Brown sono ancora lì. Sarà forse perché queste creaturine di Charles Schulz sono perfette anche per i nostri anni? Primo, se i social media si basano sul coinvolgimento, la sfiga dei Peanuts non è mai completa: manca sempre il nostro tocco per renderla tale. Secondo, i Peanuts hanno un’identità visiva ‘total flat’, since 1950; terzo, poche parole ma tutte quelle necessarie per riconoscerci dentro anche noi.

Saranno forse dei meme ante litteram? Vi lasciamo con questa riflessione per il caffè del lunedì.

Onomastico: San Francesco d’Assisi

Calendarea 2000, Good Morning, Millennium!

Il 3 ottobre 1835, a Norimberga, viene fondata la Staedtler

Come ne “I Buddenbrook” di Thomas Mann, ci piace pensare che anche la famiglia degli Staedtler doveva aver avuto un diario su cui annotava aneddoti, alberi genealogici e altri fatti salienti della ‘ditta’.

In questi manoscritti non troveremo mai un barone che giustifichi l’ascesa nobiliare, ma ci sarà sempre un artigiano altrettanto ‘mitico’. Non dimentichiamo che, nell’800, queste dinastie borghesi erano già il vanto dell’Impero Prussiano: negli stessi anni vengono fondate la AEG, la Siemens o la Schwartzkopf, tutte attive ancora oggi.

Il primo avo degli Staedtler si chiamava Friedrich e nel 1662 è citato nei documenti ufficiali di Norimberga come “fabbricante di matite in piombo”. Era già scritto in qualche libro mastro, insomma, che la Staedtler avrebbe lasciato il segno perché le sue matite hanno trasposto tante idee e progetti. Ogni realizzazione ha sempre, all’origine, un disegno.

Onomastico: Santa Candida Martire

Calendarea 1993, Bestiario

Il 2 ottobre è la “Festa dei nonni”

Questa festa cade il 2 ottobre solo in Italia. Negli Stati Uniti, ad esempio, si festeggia a settembre, la prima domenica dopo il “Labor Day”. È una celebrazione piuttosto vecchiotta: fu il presidente Jimmy Carter ad istituirla nel 1978, accogliendo la richiesta di Mrs. McQuade, madre di 15 figli e nonna di oltre quaranta nipoti e bisnipoti.

Comunque, anche quella del nonno è una professione in evoluzione. Sappiamo di nonni che fanno yoga o che si prendono cura di loro stessi barattando il carboidrato con il tofu (che, se fatto dalle mani di nonna, saprà sempre e comunque di ragù). Ma arriverà sempre il momento in cui ci saranno una nonna o un nonno seduti in poltrona. In fondo, se si parla di accessori, questo qui sopra è quello essenziale per la cosa che sanno fare meglio di tutti: tessere il filo dei ricordi.

Onomastici: SS. Angeli Custodi

Calendarea 2009, Seatcom

Il 1 ottobre 1791 Maria Antonietta d’Austria viene eletta regina dei Francesi

Questa data cade in un limbo per l’ultima regina dell’Ancien Régime: nel 1791, Maria Antonietta non è più sovrana di Francia per volontà divina, ma ‘solo’ regina dei francesi, in un percorso verso la monarchia costituzionale. Andrà male e, come sappiamo, la regina morirà solo due anni più tardi.

Ma a parte questa triste fine, Maria Antonietta (1755-1793) è sempre stata poco simpatica al popolo di Francia: un po’ per l’aspetto pingue del marito, che stonava dovunque lo si posasse, un po’ per la particolare ‘stoffa’ di questa signorina, per cui non c’era trementina che tenesse. Su di lei, però, esiste anche un profluvio di luoghi comuni e quel “se non hanno più pane, che mangino brioche” non è che il più noto, ma forse anche il più falso. Era, infatti, un modo di dire in voga alla corte francese del tempo; ma probabilmente la regina non l’ha mai detto.

Nel 2006, la regista Sofia Coppola fa spuntare dal guardaroba di Maria Antonietta un paio di Converse lilla. Ma la storia, in realtà, aveva già fatto tutto da sola: nel 1783, un dipinto della regina (oggi al Met), veniva ritirato dal Salon perché la sovrana vi era raffigurata in un abito di mussolina. Era come mostrarsi al mondo in abbigliamento intimo, o in pigiama.

Eppure, se questo stile è arrivato fino a Madonna, a Dolce & Gabbana o a “Sex and the City”, di una cosa siamo certi: alla pari del metro che fu introdotto a sua volta in quegli anni (1791), ci sono delle affermazioni che non trovano accoglienza e consenso immediati, ma nel tempo diventano unità di misura per tutti.

Onomastico: Santa Teresa di Lisieux

Calendarea 1997, Time measure

Il 30 settembre 1950 nasce Renato Zero 

Oggi, l’ex ragazzo del Piper festeggia 71 anni, che ha trascorso senza mai perdere di vista la sua bussola: a Nord Dio, a Est Roma, a Ovest il sesso e, a Sud, gli ultimi.

Il primo degli ultimi, in un certo senso, è stato proprio lui, quando durante i primi concerti gli veniva gridato quel “Sei uno zero” dal pubblico; ma Renato Fiacchini era reo solo di essere un ragazzo che amava esprimersi con trucco e zatteroni.

Tra gli animali meno amati dagli umani, ci sono anche quelli che ha scelto per esprimere il suo affetto verso il pubblico. Il termine “sorcino” nasce a Viareggio all’inizio degli anni ’80, quando Renato, vedendo i suoi fan che lo inseguivano con i motorini, disse che gli sembravano tanti “sorci”. Da allora in poi, saranno la sua famiglia.

I migliori auguri, Renato. Il triangolo, non lo avevi certo considerato, ma un mouse come sorcino lo avresti mai immaginato? È il nostro piccolo regalo.

Onomastico: San Girolamo

Calendarea 1993, Bestiario

Il 29 settembre 1571 nasce Caravaggio 

Se mai qualcuno vi proporrà di andare a vedere una mostra di disegni di Caravaggio, due sono le cose: o ha preso un abbaglio, oppure vi sta ingannando. Non esistono schizzi realmente autenticati del Merisi (anche se, come tutti i grandi temi, non manca il dibattito).

Manuali ed epitaffi di storia dell’arte ci hanno insegnato, però, che il disegno è la cosa più pura che esista; ma cosa accade nel tempo che passa tra lo schizzo e l’opera ‘finita’? In altre parole, la prima intuizione riesce davvero a mantenersi tale? Caravaggio aveva optato per nessuna forma di mediazione.

Non è dato a noi stabilire il perché dipingesse direttamente sulla tela; certo è che in quella Roma (appena intimidita dalla Controriforma), ci voleva una certa audacia nel mettere in primo piano dei piedi impolverati o una donna che allatta il padre da una prigione. A Caravaggio interessava la natura, nuda e cruda; per cui, un disegno lasciato sul tavolo a lievitare poteva diventare un alleato dell’esitazione? Chissà. Quel che è certo è che quella signora di Caravaggio ha allattato l’“egregius in Urbe pictor”: il migliore di tutti.

Onomastico: San Michele Arcangelo

Immagine della mostra Inarea “Un disegno nato qui”, 2008