Il 14 ottobre 1926 viene pubblicato per la prima volta il libro per ragazzi “Winnie-the-Pooh”

Ottobre 14, 2021

La storia di quest’orsetto arriva allo scrittore A.A. Milne grazie a un pupazzo che era stato regalato al figlio Christopher per il primo compleanno. Da allora, “Winnie-the-Pooh” è stato tradotto in più di 40 lingue e ha la sua stella a Hollywood. L’originale di pezza è custodito in una teca della New York Library, e anche piuttosto gelosamente. Gli inglesi, infatti, lo rivorrebbero indietro: nel 1998, l’esponente del partito labourista MP Gwyneth Dunwoody comunicò al Parlamento che “Se i Greci rivogliono i loro Marmi di Elgin, noi il nostro Winnie-the-Pooh”. Sembra che anche Rudolph Giuliani, quando era sindaco della Grande Mela, si sia mobilitato affinché quel cimelio non tornasse in patria.

Non male per un orsetto che diceva di avere un cervello poco sviluppato. Sarà stato merito del miele? Non è poi così difficile indovinare l’ingrediente segreto. Ma proprio per questo, cominciamo a nasconderlo anche dalla nostra colazione…

Onomastico: San Callisto I, Papa e Martire

Calendarea 2000, Good Morning, Millennium!