Ita|Eng
24-05-2011
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone
Il marchio del secondo polo turistico di roma

Un’’altra Roma prende vita. Presto il settore turistico della capitale arricchirà la sua offerta, per una città che ha voglia di rileggersi in chiave contemporanea, forte del suo straordinario passato. La “”Nuvola”” di Fuksas, il “”Palazzo della Civiltà””, il “”Museo Mediterraneum Acquario””, il “”Golf district””, “”Zoomarine”” e tante altre iniziative proporranno un’’immagine diversa della città capitolina, dove arte e cultura, passato e attualità si abbracceranno fornendo una molteplicità di motivazioni diverse per visitare Roma e per restarvi più a lungo.
Del progetto “Secondo Polo” abbiamo realizzato il brand e il claim. Il brand è un due scritto con i numeri romani. È un simbolo versatile e polisemico: può essere declinato, sia visivamente sia testualmente, in una miriade di contesti diversi. Innesca, inoltre, ulteriori percezioni, non ultima la metafora della porta da oltrepassare, di una Roma nuova da venire. “”Da porta a portale””, nel rispetto della logica propria di tempi digitali. Una struttura capace di contenere e allo stesso tempo da cui ripartire: verso nuovi spazi per soddisfare la contemporanea voglia di altrove.
Il claim è “Rome is more”, una giustapposizione di parole che sono l’’anagramma l’’una dell’’altra. L’’espressione restituisce nel suono una gradevole assonanza, nel significato esprime con semplicità e immediatezza il rimando a tutte le dimensioni in “”più”” che la città offre e che non sempre vengono richiamate correttamente all’’attenzione del mondo. Uno spazio più dinamico, più avvolgente, più ludico, più divertente, più sorprendente. Insomma Rome is Rome, o meglio Rome is more.