Ita|Eng
28-01-2013
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone
Civita festeggia 25 anni al maxxi: non una celebrazione ma una proposizione al futuro

“”Riflessi di una storia”” un percorso allestito nella hall del Maxxi, fatto di grandi specchi che riflettono, appunto, lo spazio, le opere e il pubblico. Una miscela magica, in continuo movimento, per dare rappresentazione ai venticinque anni di Civita e al senso più contemporaneo possibile di arte: lo spettatore-attore dentro l’’opera. L’’allestimento è stato curato dall’’architetto Carlo Lococo, partner storico di Inarea, mentre la regia dell’’evento porta la firma di un nome importante del teatro italiano come Piero Maccarinelli.

Arte e cultura sono lo specchio migliore della società. In venticinque anni Civita ha avvicinato la cultura alla gente, aprendo il patrimonio italiano a tutti e quindi a ognuno, e dando vita ad una grande comunità, ora ancora più aperta. A te.

Da questo concetto è derivato il nuovo claim ““Arte a te”” che caratterizzerà da ora in poi la firma Civita. In questo senso, il processo avviato avrà come obiettivo sia la valorizzazione dello straordinario lavoro compiuto in un quarto di secolo, sia la proposizione al futuro che l’’universo Civita intende porre in essere.

Il 2013, pertanto, sarà caratterizzato da una serie di iniziative strumentali alla definizione e alla rappresentazione di un nuovo posizionamento. Quella del 21 gennaio al Maxxi, infatti, deve essere considerata solo come la prima tappa di questo percorso.